Oggi, sempre di più, l’intero obiettivo degli schemi di ranking dei motori di ricerca è proprio quello di fornire agli utenti contenuti di un sito web validi e pertinenti. Il meccanismo con cui i motori di ricerca selezionano e premiano contenuti validi e pertinenti è essenzialmente solo un problema tecnico, anche se certamente un problema di natura specialistica estremamente importante.

Tuttavia, anche in termini puramente tecnici, meccanicistici, i contenuti web influenzano il posizionamento nei motori di ricerca in tre modi:

  1. link in entrata.
  2. Massa del sito web.
  3. Ottimizzazione delle parole chiave.

link in entrata e contenuti di un sito web

I link in entrata sono il fattore numero uno per ottenere il posizionamento nei motori di ricerca. Inoltre producono molto traffico da soli. L’importanza dei link è ciò che ha portato molte persone a dire che il contenuto non è più importante. Tuttavia, quelle stesse persone dimenticano che il contenuto gioca davvero un ruolo importante nell’ottenere collegamenti. Questo perché:

  • Per lo meno, un buon contenuto renderà i potenziali partner di collegamento più a loro agio con il collegamento al tuo sito. Nessuno vuole collegarsi a una link farm, sito spazzatura o anche solo a un sito dall’aspetto non professionale.
  • Un sacco di buoni contenuti offrono ad altri blogger un motivo per collegarsi al tuo sito spontaneamente senza che venga chiesto.
  • Puoi consentire ad altri siti web di pubblicare i tuoi contenuti in cambio di un collegamento al tuo sito.

Massa di contenuti di un sito web

Più pagine web di contenuti = più traffico sui motori di ricerca. Ecco perché:

  • Aggiungere pagine al tuo sito è come buttare in mare altre reti da pesca per catturare altri pesci (navigatori).
  • I motori di ricerca considerano i siti web più grandi come più prestigiosi e affidabili.
  • Più contenuti hai, più motivi fornisci ad altri blogger, di poter creare link che rimandano al tuo sito spontaneamente, senza che ti venga chiesto.

Ottimizzazione delle parole chiave di un sito web

Negi anni passati, l’ottimizzazione delle parole chiave era il passaggio più importante nella SEO. Ora importa poco nel posizionamento di parole chiave altamente competitive.

Tuttavia, l’ottimizzazione delle parole chiave può davvero aiutarti a ottenere traffico da ricerche non su parole chiave competitive. Anche se puoi non riuscire a classificare il tuo sito, entro i primi posti della SERP di Google, per una parola inflazionata come “vendita moto”, puoi comunque apparire in cima alla ricerca su “vendita moto strada roma sud” se hai ottimizzato il tuo contenuto per questa frase chiave. Tali ricerche non competitive costituiscono una percentuale molto ampia delle ricerche web totali.

Elenco di controllo per l’ottimizzazione delle parole chiave

Ci sono quattro fasi per l’ottimizzazione delle parole chiave:

  1. Ricerca e selezione delle parole chiave da utilizzare.
  2. Densità.
  3. Prominenza delle parole chiave.
  4. Derivazione/Variazione.

Ricerca e selezione di parole chiave

Devi identificare le parole chiave cercate dal tuo pubblico di destinazione. Utilizza strumenti come quelli offerti da WordTracker e da Google. Ovviamente, ci sono due grandi problematiche ​​da evitare:

  1. “Parole chiave a corrispondenza inversa” che sembrano pertinenti ma non vengono realmente ricercate dal tuo mercato di riferimento. Ad esempio, “copia del sito web” è sinonimo di “contenuto del sito web”. Tuttavia, la maggior parte delle persone che cercano “copia del sito web” sono alla ricerca di software che copia un intero sito web sul disco rigido per la navigazione offline.
  2. Parole chiave incredibilmente competitive per le quali non hai alcuna possibilità realistica di posizionarti in alto. Come fai a sapere se una parola chiave è incredibilmente competitiva? Una misura approssimativa consiste nell’esaminare il DA (Autorità di Dominio) delle pagine web attualmente classificate tra le prime tre per quella parola chiave. Se il DA di quelle pagine è molto più alto di quello che il tuo sito avrà probabilmente in futuro, probabilmente non supererai mai quelle pagine.

Densità delle parole chiave

Le parole chiave appaiono nel contenuto con una densità di volte affinché i motori di ricerca riconoscano la pagina come pertinente. Tuttavia, non devi far apparire queste parole chiave così spesso e mettere in allarme Google per azioni di Keys stuffing. Perciò, se non sai come gestire al meglio le tue azioni strategiche di web marketing e SEO, ti conviene metterti in contatto con WebJump Solutions.

Prominenza delle parole chiave

Le parole chiave vengono individuate all’interno delle tue pagine web affinché i motori di ricerca le riconoscano come pertinenti. Il titolo della pagina, le intestazioni e le prime righe della pagina sono spesso considerate le posizioni più importanti. Tuttavia, non è che inserisci le tue keywords a caso e il motore di ricerca ti fa salire in alto nella sua SERP.

Derivazione della parola chiave/Variazione della parola chiave

L’utilizzo di variazioni della parola chiave contribuisce a garantire che le pagine web appaiano pertinenti alla prossima generazione di algoritmi dei motori di ricerca più sofisticati. Nel frattempo, le varianti di parole chiave popolari aiutano il tuo sito a comparire per le ricerche “non standard” che avvengono per le stesse varianti di parole.

Esistono tre tipi principali di varianti di parole chiave:

  1. Variazioni della radice della parola. Una radice di una parola è la sua base. Ad esempio, “ottimizzare” è la radice di “ottimizzato”. Altre varianti di “ottimizzare” includono “ottimizzazione”, “ottimizzatore” e “ottimizzazione”. Puoi anche rimescolare le parole che compongono le parole chiave composte da più parole.
  2. Sinonimi (come contenuto di pagine web, contenuti internet o scrittura per il web per contenuti di siti Web).
  3. Termini correlati (come internet, SEO o pagina web).

Per molte persone, l’aspetto SEO dei contenuti sembra un punto controverso. Hai bisogno di contenuti per i tuoi visitatori anche se nessun tipo di spider dei motori di ricerca se ne accorge. Dunque, se mai dovessi scegliere se investire in un altro link per compiacere i motori di ricerca o in un’altra pagina di contenuti per soddisfare i tuoi visitatori, non dimenticare: anche ai motori di ricerca piacciono i contenuti.